Pulcinella

“Questo è stato senza dubbio uno degli spettacoli più importanti della mia vita. Potrei addirittura dire, per certi versi, il più importante. Di sicuro è con questo spettacolo che ho capito non che ‘volevo’, ma che ‘potevo’ fare il regista. Da un punto di vista strettamente tecnico e artistico, senza dubbio “Pulcinella” è la mia vera e propria prima regia, il primo lavoro in cui c’è, chiaro e netto, il segno di uno stile, anche se ancora in fieri: pur nella sua ingenuità acerba, nelle sue incompiutezze e nei suoi errori, in questo spettacolo ci sono tutti gli elementi che avrebbero caratterizzato le mie regie negli anni a venire. Qui per la prima volta ho diretto gli attori in quel modo che sarebbe diventato il mio marchio di fabbrica, qui per la prima volta ho costruito uno spettacolo con quello stile ‘epico’ e ‘brechtiano’ che non mi avrebbe più abbandonato. E per la prima volta si vengono a coagulare, pur non trattandosi di un mio testo, molti dei temi che sarebbero diventati le mie ossessioni: gli ultimi, i disperati, la commedia dell’arte come metafora della vita, il metateatro esasperato, la tragicommedia, le atmosfere incantate, fiabesche e surreali… “.
(Riccardo Lestini, ricordando “Pulcinella”)

“… io in realtà dovevo fare lu pittore… e un nome da pittore lo tenevo: Michelangelo! Poi però ho preferito fare ‘o teatro, che è cchiù mejo assaje… ‘o teatro è ‘na pittura ca’ se move, che non sta ferma un solo istante. E così, per vivere teatrando, m’imbarcai sulla nave mia, che montava tre vele: la fame, la sete… e la fantasia! Con la fame aggio viaggiato pe’ terra…. con la sete aggio viaggiato pe’ mare… e con la fantasia, aggio viaggiato pe’ cielo!”
(Michelangelo Fr
acanzani, dal monologo finale dello spettacolo)

Associazione Culturale GOTAMA
presenta

PULCPulcinella147INELLA
di Manlio Santanelli, da un canovaccio di Roberto Rossellini

Personaggi e interpreti:
Michelangelo
Fracanzani (Pulcinella): Riccardo Lestini
Andrea Calcese/ Tiberio Fiorilli: Marcello Manuali

 Matamoros: Marco Pieroni
Zia: Alberta Capasso
Scartellato: Albano Ricci
Musico: Cristian Chiappini
Angelica: Mariangela Ricci
Palmariello:
Roberto Bondi
Caterina: Luisa Alunni Rinchi
Apolli
ne: Giulia Vannucci
Baron: Filip
po Ambroglini

SCENOGRAFIE – Emma Rossi
MUSICHE – Cristian Chiappini
LUCI E SUONO – Il Cilindro
ORGANIZZAZIONE – Samuele Giuliani, Roberta Alunni, Sandro Pasquali
PRODOTTO DA ASSOCIAZIONE CULTURALE GOTAMA

ADATTAMENTO E REGIA – RICCARDO LESTINI

Data del debutto: 10 dicembre 1999, Teatro Adiutorium E. Urbani, Passignano sul Trasimeno (PG)
Durata: 85′

LEGGI IL LIBRETTO DI SALA DELLO SPETTACOLO