La ballata della Luna Azzurra

“La leggerezza… è camminare tra le stelle senza inciamparci… “

“Difficile… forse proprio impossibile parlare di questo spettacolo. Diciamo solo che è la misura di tutte le cose, la misura di tutto ciò che è stato, che è e che sarà il mio teatro. Punto di arrivo dei miei primi tre anni da regista, punto di partenza di tutto il resto. Questo testo, scritto in maniera febbrile e miracolosa in appena sette giorni, in un gennaio freddissimo, mosso dall’urgenza di prove che dovevano cominciare a tutti i costi e di un gruppo decimato da liti interne che doveva e voleva restare in piedi e rilanciarsi, è la sintesi del mio universo interiore, della mia fantasia, delle mie ossessioni. Poco altro da dire. Ah sì… non mi sono mai divertito così tanto a preparare uno spettacolo. E non mi sono mai commosso così tanto a farlo. Niente ricordo con tanta emozione”
(Riccardo Lestin
i, ricordando “La Ballata della Luna Azzurra”)

“Udite, udite! Questa sera, nel presente luogo, al camposanto dei Senza Nome, avrà luogo il più grande e sensazionale spettacolo del mondo!” (AUGUSTE, scena iniziale dello spettacolo)

… in uno scalcinato cimitero sconsacrato all’estrema periferia del mondo, tre vagabondi (Auguste, Pierre e Pulcinella) decidono di vendere un miracolo: la mirabile apparizione della Luna Azzurra, una specie di picaresca e popolare madonnina di Lourdes degli ultimi del mondo, che, a prezzi veramente stracciati, esaudirà i desideri di tutti i disperati della terra. Inutile dirlo, una folla di sciammannati, senza tetto, poeti bislacchi e personaggi impossibili, accorrerà in massa al cimitero per comperare il miracoloso evento…

Teatro Instabile presenta

LA BALLATA DELLA LUNA AZZURRA

Personaggi e interpreti:
LUNA AZZURRA Auguste – Lapo Vannini
Pierre – Riccardo Lestini
Pulcinella – Silvio Junior Balta
Devota Stracci – Marcella Aiazzi
Immacolata Stracci – Elena Gramigni
Tania – Claudia Pieralli
Pablo – Lorenzo Degl’Innocenti
Splendida – Alessandra Di Monte
Amalia – Caterina Giolli
Arturo Arturi – Claudio Erlacher
Magda – Johanna Luhr

Scenografie – Claudio Erlacher
Costumi – Caterina Giolli
Aiuto regia – Lapo Vannini, Monica Scaringella

TESTO E REGIA – RICCARDO LESTINI

Durata: 80′
Data del debutto: 1 giugno 2001, Teatro Nuovo Dory Cei, Firenze

GUARDA LA PHOTOGALLERY                           

LEGGI IL LIBRETTO DI SALA DELLO SPETTACOLO