“Madonna che silenzio c’è stasera”: “Canterò per voi una canzone d’amore”

“Canterò per voi una canzone d’amore… ”

Quel volto stralunato da lunatico in esilio. L’incedere dinoccolato e sicuro come un clownesco smargiasso. Quel vento di provincia toscana eternamente cucito addosso.
E poi quegli occhi, piccolissimi e immensi, fine e principio di gioia e inquietudine.

Questo era, ed è, i’ Cecco, ovvero Francesco Nuti, re del biliardo e comico intriso d’amore e surrealismo.
Me lo ricordo una sera di oltre vent’anni fa, nel foyer del Gambrinus, quando ancora esisteva il Gambrinus, a fare foto e rispondere controvoglia a un giornalista inopportuno.
Era più o meno l’inizio di un periodo oscuro che non sarebbe finito mai.
Le parabole discendenti fanno forse parte del gioco, ma quello che sarebbe successo dopo, il modo in cui è stato abbandonato e dimenticato, la maniera in cui il mondo del cinema ha trattato uno dei suoi figli più importanti, è qualcosa che va molto oltre la vergogna.

Meno male c’è qualcosa di veramente eterno, nel fare e nel dare arte.
Meno male restano frammenti come questa canzone meravigliosamente assurda urlata con una convinzione che fa ridere fino alle lacrime.
E queste cose no, non si cancellano.

Madonna che silenzio c’è stasera…

#jukebox
#lamusicaalcinema

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *