Le recensioni del venerdì: “Come un gatto in tangenziale”/ “La verità vi spiego sull’amore”

Smanioso e bisognoso di estrema leggerezza e totale decompressione, per LE RECENSIONI DEL VENERDÌ oggi si parla di due commediole italiane semplici semplici che ho avuto modo di vedere in settimana.
Trattasi di COME UN GATTO IN TANGENZIALE e LA VERITÀ VI SPIEGO SULL’AMORE.
Come sempre, voto generale in asterischi (da * a *****) e voti specifici da 0 a 10.

COME UN GATTO IN TANGENZIALE, di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi e Antonio Albanese (2017)**1/2
L’ennesimo incontro/scontro tra la sinistra benestante e la destra sottoproletaria, raccontata con garbo e mestiere, ma senza alcun mordente e senza profondità.

SCENEGGIATURA – oltre al regista e alla stessa Cortellesi, nel team di sceneggiatori figura e giganteggia Furio Andreotti, bravo ed esperto autore di cinema e teatro, da sempre nella squadra di autori al servizio dell’attrice. Infatti la sceneggiatura è ben scritta, i meccanismi funzionano e la storia scivola via che è una meraviglia. Ma il tutto resta troppo in superficie, e la commedia è godibile e nulla più. Il tema, l’incomunicabilità tra mondi sociali diversi, la contraddizione di un “progressismo di sinistra” che si fa bandiera di una povertà che non solo non capisce, ma che esclude e da cui rifugge, se pur sfruttatissimo, è sempre fonte inesauribile di spunti e approfondimenti. Una volontà che qui non c’è: manca il tocco crudele e poetico di Virzì, uno sprazzo di dramma a dare corpo al grottesco ed evitare il macchiettismo di maniera. Resta da capire cosa ne sarebbe stato di questa storia se non avesse avuto due interpreti mostruosi a supportarla.
Voto: 6

REGIA – la regia crepuscolare di Milani, perfettamente a suo agio in opere dal sapore agrodolce (“Auguri professore”, “La guerra degli Antò”), annaspa alla ricerca di sé stessa senza trovarsi e senza incidere in un film dai ritmi più sostenuti come questo.
Voto: 5

INTERPRETI – giganteschi Albanese e la Cortellesi, il film finisce per giustificarsi solo grazie alla loro presenza. Talmente bravi da nascondere (quasi) tutte le magagne.
Da antologia anche il cameo di Claudio Amendola.
Voto: 8

FOTOGRAFIA – il gioco centro/periferia dal punto di vista fotografico offriva infinite possibilità. Purtroppo luci e ombre si appiattiscono in un pessimo standard televisivo. La parte peggiore di tutto il film.
Voto: 4

PRODUZIONE – confezione commerciale e di maniera, poco sostenuto nelle sale, recupera con una martellante pubblicità per la messa in onda in TV.
Voto: 6

LA VERITÀ VI SPIEGO SULL’AMORE, di Max Croci, con Ambra Angiolini e Carolina Crescentini (2017)*1/2
Innocentissima (e superficiale) commedia sulla magia dell’amore e sul rapporto tra figli e genitori separati, per niente all’altezza del titolo.

SCENEGGIATURA – la scrittura, interamente nelle mani dello stesso regista, soffre la mancanza di equilibrio e una padronanza molto scarsa nel maneggiare con coerenza una storia di media e lunga durata. Se infatti è ottimo l’inizio, in cui diverte e interesse la ricostruzione della storia d’amore della protagonista, poi il film si sfilaccia, smarrendosi in passaggi autoreferenziali, senza sapere se imboccare la strada del grottesco o quella dell’introspettivo. E ottenendo come risultato una banalità assai pretenziosa. Non sempre saper scrivere cortometraggi equivale a essere bravi autori anche nei lunghi. E a volte, farsi affiancare da sceneggiatori più esperti, non guasta.
Voto: 4,5

REGIA – scolastica e tecnicamente discreta, ma come la sceneggiatura indecisa su quale strada prendere. Alla fine impalpabile e priva di anima.
Voto: 5

INTERPRETI – discreta la prova di Ambra Angiolini. Abbastanza mediocre tutto il resto del cast, ingabbiato in macchiette che in molti casi risultano assai stucchevoli.
Voto: 5

FOTOGRAFIA – il piattume del più stereotipato spot televisivo.
Voto: 3,5

PRODUZIONE – inesistente nelle sale, passa in TV senza lasciare troppe tracce. Confezione superficiale e priva di convinzione.
Voto: 4,5

#recensioniRiccardoLestini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *