Domani

Se il terremoto è oggi, domani probabilmente non lo ricorderemo più.
È così, spietatamente così che funziona. Sempre. Dopo il grande abbraccio collettivo, la grande attenzione solidale nell’emergenza, arriva sempre un “domani” in cui la notizia si affievolisce, l’eco del clamore si fa via via più lontano. Fino a dimenticare.
Eppure quel “domani” quelle donne e quegli uomini che hanno vissuto la catastrofe in prima persona, continuano a soffrire, ad avere bisogno di aiuto, vicinanza, provvedimenti, soluzioni. E restano invece quasi sempre soli.
Una solitudine assordante e agghiacciante.
Per questo oggi vi consiglio un film che si intitola per l’appunto DOMANI. E parla di terremoto. Per l’esattezza del terremoto di Umbria e Marche del 1997.
E non è un caso se questo film così importante (e così bello) non l’ha visto e non se lo ricorda nessuno: la regista, Francesca Archibugi, lo realizzò nel 2001, quattro anni dopo, quando era troppo “domani”, quando quei terremotati soffrivano ancora ma nessuno li ricordava più.
Guardatelo.
Guardiamolo.
E facciamolo oggi… affinché non sia così assurdo e privo di memoria il nostro domani.

Buon fine settimana a tutti.

#consigliRiccardoLestini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *