Lestini agli europei – Francia 2016 – Primo turno

PRONTI… VIA! – giornata 1

Dopo mesi e mesi di attesa, prende finalmente il via la quindicesima edizione dei Campionati Europei di Calcio che, tra fiumi e fiumiciattoli che esondano senza fine, scioperi che stanno bloccando tutta la Francia e minaccia continua di attentati, rischiano seriamente di vincere il premio come manifestazione più rilassata e serena della storia del calcio.

Noi, come al solito, siamo schierati ai nastri di partenza, per questa avventura che vi terrà (spero piacevolmente) compagnia per un mese.
Una striscia quotidiana che per trenta giorni cercherà di commentare il torneo nella maniera che più ci compete e appartiene. Vale a dire grottesca, spietata, dissacrante, sostanzialmente scazzona.

Come da prassi e da copione, alla prima giornata, col calcio d’inizio ancora da fischiare, vanno per la maggiore, in tutte le finestre calciofile e pallonare, pronostici e previsioni.
Noi, non volendo essere da meno ed essendo seriamente determinati a immetterci nel solco della più consolidata tradizione, abbiamo deciso di dedicare questo primo appuntamento ai pronostici della vigilia.

E per farlo, ci siamo affidati al migliore. Ma che dico migliore… parliamo del vero e proprio SPECIAL ONE della previsione in persona.
Sì, esatto, stiamo parlando proprio di lui: Tommaso “il Mago” Tucci.
Giusto per ricordarvelo: nel 2014, al tempo del mundial brasiliano, il suddetto Tucci, a campionato ancora NON INIZIATO, riuscì ad azzeccare i nomi di ENTRAMBE LE FINALISTE.

Siccome da allora l’Italia – come non accadeva dai tempi dell’Ulivo e della Casa della Libertà – si è letteralmente spaccata in due, da una parte il partito “della profezia” (cioè coloro che credono nelle capacità messianiche del Tucci) e dall’altra il partito “della botta di culo” (non c’è bisogno di spiegazione, suppongo), noi abbiamo deciso di chiarire finalmente questo dilemma, monitorando attentamente per tutto l’Europeo le previsioni del nostro medium.

Per l’occasione, attendendo il fischio d’inizio, gli abbiamo intanto chiesto:

Chi vincerà l’Europeo?
Tucci dixit: FRANCIA (si prega i lettori di commentare la previsione).
Non paghi, gli abbiamo chiesto:
Ma la finale si risolverà nei novanta minuti?
Tucci dixit: NO, AI SUPPLEMENTARI (come sopra, commentate pure, dite la vostra).

Se il Tucci ci ha azzeccato o no, se ci è andato vicino o no, lo sapremo solo tra un mese (o prima, qualora la Francia uscisse ingloriosamente anzitempo, ma ci pare parecchio ardua).
Non possiamo aspettare così tanto. E poi, diciamoci la verità: a indovinare queste cose son capaci tutti… un vero medium riesce a prevedere ben altro.
Perciò gli abbiamo chiesto altre cose, BEN PIU’ SERIE delle domande precedenti.

Del tipo:
Quanti ammoniti ci saranno nella partita d’esordio Francia – Romania?
Tucci dixit: QUATTRO AMMONITI e UN RUMENO ESPULSO.

Ma soprattutto, domanda più importante (relativamente alla partita inaugurale di stasera):
COME SI CHIAMA IL TERZO SPETTATORE IN BASSO PARTENDO DA DESTRA DEI VOSTRI TELESCHERMI?
Tucci dixit: ANTOINE.

Domani, nel secondo SERISSIMO appuntamento dedicato agli europei, vedremo il responso di questi due ultimi quesiti.

Nel frattempo, buon europeo a tutti quanti voi!

A domani!!

#lestiniaglieuropei


IL CULO DEI FRANCESI, IL FRIGORIFERO DI POGBA, LE PREVISIONI DEL TUCCI E ALTRE CATASTROFI – giornata 2

Siamo appena alla seconda giornata (che tra l’altro deve ancora cominciare), ma da queste parti – Francia, 2016, Europei di calcio – siamo già alla frutta. Parecchio alla frutta.
Procediamo, per quanto possibile, con ordine…

In primis, la tv. Anzi, LE tv.
La partita d’esordio, Francia – Romania, arriva al termine di estenuanti non stop di approfondimento, dibattiti, anticipazioni e curiosità (roba che al confronto le maratone elettorali di Mentana sono robetta, quisquiglie e pinzillacchere), messe in piedi da qualsiasi palinsesto: Rai, Sky, Premium… (La7 no, Mentana ha messo ovviamente il veto).
Partiti tutti più o meno all’alba, ovvio che già dopo pranzo nessuno sapeva più cosa dire o cosa fare. Effetti e conseguenze, sono stati a dir poco devastanti.
A Raisport giocano la carta lirismo, e nel primo pomeriggio lanciano un interminabile quanto inutile servizio sul CT della nazionale, dove Antonio Conte viene definito “come il Salento, fatto di sole, terra e vento”.
Oh-mio-dio… che poi, viene da chiedersi: ma non era il sole, il MARE e il vento? Mah…
Su Sky invece, Ilaria d’Amico finisce in pieno surrealismo, con metafore a metà tra Beckett e Bersani. Il capolavoro: “come si sentirà ora Pogba con questi 100 chili di frigorifero di responsabilità sulle spalle?”.
Eh???

Ovvio che quando arriva finalmente la partita, nessuno ne può più.
Tra l’altro la partita è brutta, bruttissima. A tratti inguardabile.
La Francia soprattutto, gioca praticamente peggio dell’Inter. Però ha culo. Chili, quintali di culo. Talmente culo che al 90′ Payet inventa il gol del secolo e le fa vincere una partita che avrebbe meritato nettamente di perdere.

Un culo così sfacciato che giustamente ti viene da pensare si tratti del tocco magico dei predestinati.
Il che aumenta a dismisura le quotazioni del nostro oracolo di fiducia, quel Tommy Tucci (per dettagli vedi la puntata di ieri) che, per l’appunto, circa il pronostico sui vincitori dell’Europeo, aveva senza indugio alcuno detto Francia.

Eppure, come già detto ieri, a snocciolare il nome dei futuri campioni son buoni tutti.
Ma il nostro Tucci mica è un Mago Otelma qualunque… lui è L’ORACOLO DI CAREGGI in persona.
Infatti, ieri ha di fatto scioccato il mondo intero azzeccando due (pre)visioni sconvolgenti:

gli si chiese quante ammonizioni ci sarebbero state in Francia – Romania, lui disse 4 e 4 furono!!

soprattutto gli si chiese il nome del terzo spettatore in basso a destra dei nostri teleschermi, lui disse Antoine e, effettivamente, IL TERZO SPETTATORE IN BASSO A DESTRA SI CHIAMAVA DAVVERO ANTOINE (se qualcuno può smentirlo, ci porti le prove… ).

E questo è tutto.
In attesa di nuove illuminazioni, vi ricordiamo che per le partite di oggi gli occhi di tutti sono puntati su Inghilterra – Russia. Errore. A nostro avviso, il vero big match è Galles – Slovacchia. Cioè, Bale contro Hamsik.
Mica cazzi…

A domani!!

#lestiniaglieuropei


PALLONE&POLITICA – giornata 3

Flash di giornata.
Mondo politico in tilt per colpa dei campionati europei.
Pare che il premier Renzi sia svenuto alla notizia del gol rifilato dalla Russia all’Inghilterra in pieno recupero, scambiandolo per l’ennesimo sondaggio che vede i sostenitori della brexit in totale vantaggio.
Quando gli hanno spiegato che si trattava della partita, avrebbe commentato: “ok, allora avanti con le riforme”.

Vero e proprio panico nello stato maggiore della Lega, dove alla notizia”in Francia espulso un albanese”, Salvini avrebbe prenotato tutte le trasmissioni tv, da Giletti alla Gruber, al grido: “in Francia cacciano i clandestini, e Renzi cosa fa??”. Quando gli hanno fatto notare che si trattava del cartellino rosso ricevuto da un calciatore dell’Albania nel match contro la Svizzera, ha detto: “ok, e i Marò?”. Profondo sconforto quando gli hanno ricordato che ormai sono in Italia entrambi.

Ricordandovi che vi scrivo questo post da un commovente circolo arci dove tra poco guarderò l’Irlanda del Nord (un tocco di poesia ogni tanto ci vuole), vi dico che al momento le partite di questo europeo fanno seriamente cagare.
Al momento, unici sprazzi di spettacolo, come avevo previsto, si son visti in Galles -Slovacchia.

A domani!!

#lestiniaglieuropei


RAI SPORT E L’ABUSO DI DROGHE PESANTI – giornata 4

Mentre sul campo, ieri, si confermava la sacra legge di Gary Lineker (“il calcio è un gioco molto semplice : 22 persone rincorrono un pallone per 90 minuti e alla fine vince sempre la Germania”), in televisione la situazione è tutt’altro che sotto controllo.

In particolare in Rai, dove ogni giorno appare sempre più evidente l’uso continuo e massiccio di droghe pesanti.
A partire dai dirigenti, che evidentemente al termine di un rave party a base di chetamina hanno deciso di affidare i post partita a Flavio Insinna.
Ovvio, hai a contratto 300 giornalisti sportivi e la trasmissione di punta la affidi a uno che di calcio non capisce una mazza. Logico no?

Anche Insinna, a droghe pesanti, non scherza.
Servizi al rallentatore dei calciatori azzurri che partono per la Francia, manco fosse la leva 1899 in marcia verso il Piave… frasario lisergico, del tipo: “Antonio Conte ha scelto una squadra di angeli ribelli” (eh???); servizi di 40 minuti sulle bandiere appese alle finestre degli italiani…

E infine, che dire della rubrica “Chiedilo a Gianni”, dove Cerqueti deve rispondere in diretta a ogni tipo di domanda degli spettatori, come ad esempio: “lunedì la mia ragazza vuole uscire a ballare, ma io voglio vedere la partita, come posso fare?”.
E Cerqueti risponde: “vi consiglio di uscire dopo le 23”.

Non diciamo nulla, che è meglio. Solo una cosa: Pizzul, dove sei??????

In chiusura, vi ricordiamo che il nostro Tucci, ovvero l’unico e solo oracolo di Careggi, ha espresso il suo vaticinio:
ITALIA BELGIO FINIRÀ 1-1.

Staremo a vedere.
A domani!

#lestiniaglieuropei


MA TU GUARDA UN PO’ L’ITALIA VINCE… (E L’ISLANDA SI SPOPOLA) – giornata 5

Succede l’incredibile. Tipo che l’Italia, sfavoritissima, con addosso quintali di sfiducia per una rosa non propriamente tra le migliori della storia, ti va a vincere con i favoriti non della partita, ma di tutto quanto l’europeo.
Che poi, a vincere…. diciamo pure a STRA vincere, con una lezione magistrale di tattica scritta e diretta dall’allenatore del Chelsea e interpretata da quella rosa che poi, alla fine, tanto male evidentemente non è.
Però attenzione: pronostici sovvertiti (anche e soprattutto il nostro oracolo di Careggi è andato in tilt), vittoria nettissima, grande Italia ma non scordiamoci che è solo una partita. La prima partita, per di più. Quindi, calmi… molto calmi… perché qui pare che dalle 23 di ieri sera non solo si sia dissolta tutta la sfiducia di cui sopra, ma sembra che abbiamo già vinto l’europeo e pure il mondiale del 2018… anche nei bar qui a Firenze (dove di solito si è abbastanza tiepidini con la nazionale) il clima era questo.

Noi, teniamo il profilo basso e passiamo a parlare d’altro…

Tipo della figura di merda di Ibrahimovic, che prima dichiara al mondo “sono una leggenda” (e a già a dirselo da soli, va bè…. ), e mezzora dopo, contro l’Irlanda, gioca la peggior partita della sua carriera.
A me ste cose qua danno una soddisfazione…

Oppure delle perle allucinogene che continua a regalarci RAISPORT.
Premio assoluto dell’assurdo al giornalista BRUNO GENTILI, che dedica un servizio a FLORENZI, appena diventato papà. Dice Gentili nel servizio:
“Ha chiamato la figlia PENELOPE… e non poteva che chiamarla così, perché intanto c’è Conte che fa e disfa la formazione della Nazionale…”
Eh??? Che??? Cosa????

Oggi invece sarà di scena il girone F, con cui si chiuderà la prima giornata dei gironi.
Ci sarà il derby asburgico Austria – Ungheria (forse per uno storico come me è l’unica partita davvero da vedere) e Portogallo – Islanda.
A proposito di Islanda (al debutto assoluto nella competizione): hanno acquistato il biglietto per il match odierno 26.985 islandesi. Vale a dire l’OTTO PER CENTO DELL’INTERA POPOLAZIONE DELL’ISOLA.
Credo sia un record senza precedenti… forza Islanda!!!

A domani!!

#lestiniaglieuropei


SE CRISTIANO RONALDO DIVENTA UN PORNO – giornata 6

Da ieri, ufficialmente, questa rubrica ha adottato una squadra, per la quale: 1) farà spudoratamente il tifo; 2) manderà a puttane qualsiasi critierio di oggettività, obiettività e buonsenso.

Già ci aveva conquistato per il record clamoroso di aver portato allo stadio OLTRE L’8% dell’intera popolazione nazionale, ma poi, ieri sera, dopo l’impresa di aver strappato un pareggio al super favorito Portogallo, l’ISLANDA è diventata in tutto e per tutto la nostra indiscussa squadra del cuore.
Quindi, da oggi in poi, questa rubrica si trasforma in una spasmodica attesa per il prossimo match dell’Islanda.

Certo il giocatore più atteso, ovvero Cristiano Ronaldo, non era esattamente al top della forma.
Ma al di là dei postumi dell’infortunio con cui combattere, il pluri pallone d’oro ha ben altri pensieri. Pare infatti sia in arrivo un super film porno – intitolato THE RONALDAS – ispirato al fuoriclasse portoghese e agli europei di calcio.

Lui, Ronaldo, chiamato a rispondere sulla questione, si è detto turbato dalla cosa.
Non si capisce se a turbarlo sia vedere la sua vita trasformata in un porno oppure il fatto di non essere stato coinvolto come attore nel progetto….

A domani… e forza Islanda!!

#lestiniaglieuropei


QUANDO I RUSSI SI INCAZZANO (giornata 7)

Insomma, questi qua sono arrivati, sono entrati allo stadio e, a fine partita, hanno scatenato scontri su scontri con i tifosi inglesi mettendo in mezzo, pare, pure quegli spettatori che col tifo organizzato non c’entrano nulla.
Non paghi, hanno seminato il panico per le strade di Lille.
E, a riprova che proprio stanno facendo sul serio, hanno replicato ieri, mettendo di nuovo a ferro e fuoco interi quartieri di Lille, postando on line foto di bandiere slovacche come fossero trofei di guerra.
Infine, con la Russia sconfitta dalla Slovacchia e a serio rischio eliminazione, hanno ulteriormente implementato disastri e violenze.
Questa la cronaca sintetica degli “hooligans” (o ultrà o più semplicemente deficienti) russi in una settimana scarsa di europeo.

Ora, al di là di discorsi sullo scarso controllo da parte della polizia francese (troppo impegnata sul versante antiterrorismo per preoccuparsi adeguatamente anche degli hooligans), al di là dell’assurdità di queste scene di scontri a cui, purtroppo, siamo tristemente abituati… io dico: ma le autorità russe? Cioè, il ministro degli esteri russo che polemizza con la Francia definendo “inaccettabile” l’arresto di 8 devastatori russi?
Cioè, di questo ne vogliamo parlare?
Più in generale: qualcuno mi spiega perché qualunque minchiata un tizio faccia all’estero se lo arrestano il suo governo definisce la cosa “inaccettabile”?

Per chiudere, altre considerazioni sparse:
1.Hamsik ha segnato uno dei gol più belli della storia degli europei… non per vantarci ma, proprio una settimana fa, lo abbiamo detto e scritto: Hamsik e Bale sono i veri fenomeni del torneo. Bale lo avevamo già visto (e lo rivedremo oggi), Hamsik lo abbiamo visto ieri.
2.Cristiano Ronaldo continua a lamentarsi degli islandesi: “non hanno giocato, hanno solo impedito a noi di giocare”. Noi, come ormai è risaputo, tifiamo Islanda… perciò 10 e lode alla risposta islandese: “Dicendo così Cristiano Ronaldo dimostra che Messi è davvero più forte”. Chapeau!
3.La Francia ha culo… troppo culo. Ma si può segnare 4 gol in due partite, di cui 3 OLTRE il 90′? Questo culo sfacciato, oltre a farci incazzare, dà ancora più credito al vaticinio del Tucci, nostro oracolo di Careggi, che ha indicato la Francia come vincitrice del titolo.
4.A proposito di vaticini… domani non perdete il pronostico su Italia – Svezia!

Per l’appunto, a domani… e FORZA ISLANDA!!

#lestiniaglieuropei


IN ATTESA DELLA PARTITA, GUFIAMOCI UN PO’ DA SOLI – giornata 8

Dopo che ieri è sceso in campo l’intero Regno Unito (l’Inghilterra se la vede brutta ma poi vince con il derby col Galles, salvando la faccia e soprattutto il culo di Hodgson, mentre l’Irlanda del Nord ha strapazzato l’Ucraina), a eccezione della Scozia (sulla sfiga degli scozzesi, nel calcio e no, si prega di ripassare le più belle battute di “Trainspotting”), e dopo che ieri è finito a reti bianche il derby di Danzica Germania – Polonia, oggi (ri)tocca all’Itlalia.

Sarà più difficile, visto che l’effetto sorpresa mostrato col Belgio non ci sarà più. Poi c’è Ibra, che oltre a far di tutto per rendersi insopportabile (questi giorni sì, è più antipatico di Cristiano Ronaldo), per noi è notoriamente una bestia nera.

Il Tucci, ovvero l’oracolo di Careggi, interrogato sulla questione al semaforo di piazza Dalmazia, ha sentenziato partita dura, durissima. Ma alla fine dovrebbe spuntarla, soffrendo, l’Italia.

Noi, da par nostro, dopo aver resistito per 8 giorni, oggi crolliamo e tiriamo fuori le STATISTICHE… che ci dicono, per la gioia dell’auto-gufaggio che l’Italia NON VINCE una seconda partita di un torneo da SEDICI ANNI (Euro 2000, 2-0, guarda un po’, col Belgio).
O abbiamo perso, o abbiamo pareggiato. Anche nel 2006 la seconda steccammo contro gli USA.
Quindi io, vaticinio del Tucci a parte, oggi la veggo buia.
Ma di molto buia.
Fate tutti gli scongiuri del caso…

…e forza Islanda, ovviamente!

#lestiniaglieuropei


LO SPETTACOLARE RITORNO DELL’ORACOLO DI CAREGGI – giornata 9

Nella più alta e arcaica tradizione mitologica, l’oracolo (così come l’indovino) non viene capito. I suoi vaticini sono troppo alti per gli esseri umani che, inevitabilmente, finiscono per dubitare di lui.
E le conseguenze sono tragiche.
Vedi Cassandra, Tiresia, Laocoonte… e vedi ovviamente l’oracolo di Delfi.

Nel nostro caso, nel caso cioè del nostro ORACOLO DI CAREGGI (alias Tommy Tucci), possiamo pure noi aver dubitato dopo il suo pronostico errato su Italia – Belgio (aveva detto 1-1).
Ieri non solo ci siamo ricreduti (il Tucci aveva detto vittoria sofferta dell’Italia in extremis e VITTORIA SOFFERTA IN EXTREMIS E’ STATA), ma abbiamo capito che nemmeno quell’1-1 col Belgio era sbagliato.
Semplicemente, come Edipo a Delfi, non abbiamo saputo interpretarlo.

In attesa di decrittarlo e in attesa che il nostro oracolo vaticini ancora, passiamo a cose molto più serie della vittoria dell’Italia:
OGGI GIOCA LA NOSTRA AMATA ISLANDA.
Al momento in cui scriviamo, sta succedendo qualcosa di incredibile…. e come dicono a Roma, nun capita, ma si capita…

Non diciamo altro, rimandando eventuali deliri a domani.
Ultima cosa: stasera c’è Portogallo-Austria e noi ovviamente tiferemo Austria.
Godiamo come pazzi a tifare contro Cristiano Ronaldo.
Così come abbiamo goduto ieri, più che per la vittoria dell’Italia, per Ibrahimovic che non combina una mazza.

A domani… e FORZA ISLANDA!!!

#lestiniaglieuropei


STASERA TUTTI A CASA DI MATTEO SALVINI – giornata 10

Sono depresso.
Depressissimo.
La mia Islanda ieri ha sfiorato l’impresa che sarebbe entrata nella storia nei secoli dei secoli. In vantaggio fino alla fine, raggiunta nei minuti finali per una sfiga che più sfiga non si può.
Certo, un pareggio mica si butta via, l’essere ancora imbattuti nemmeno, però che cazzo, vuoi mettere con la prima storica vittoria?
E la depressione non la mitiga nemmeno il fatto che il “simpaticissimo” Cristiano Ronaldo sia rimasto a bocca asciutta, senza vittorie e senza gol, per la seconda partita consecutiva.

Però un’idea, piccola piccola, per tirarmi su di morale ce l’avrei…
Stasera, perché non ci troviamo tutti a Milano e andiamo a casa di Matteo Salvini a vedere ALBANIA – ROMANIA????

Che ne dite?
Si accettano adesioni!

A domani e forza Islanda!!

#lestiniaglieuropei


IL RIGORISTA PIU’ SCARSO DEL MONDO – giornata 11

Il rigore sbagliato da Cristiano Ronaldo l’altro ieri, è stato un vero e proprio tormentone giornalistico.
Io personalmente, non ho voluto infierire: ho già sfottuto abbastanza Ronaldo (che notoriamente mi sta sulle balle) per essere ancora a secco di gol e di vittorie, e ho lasciato stare la storia del rigore.

In ogni caso, il rigore sbagliato dal portoghese passa completamente in secondo piano alla luce di quel che è successo in Coppa America, dove IL PEGGIOR RIGORISTA DEL MONDO, grassissimo e sudatissimo, è andato sul dischetto per la sua squadra (il Venezuela), sotto di due gol con l’Argentina di Messi e Higuain… e questo qui, che pesa 120 chili, ha di fronte una delle squadre più forti del mondo e sta perdendo 2-0, cosa fa??? SI METTE A FARE IL FENOMENO E FA IL CUCCHIAIO… solo che gli esce fuori IL PEGGIOR CUCCHIAIO DELLA STORIA DEL CALCIO.
Andare su youtube e vedere il video.
Merita.

Così come merita la sempre più surreale rubrica quotidiana di Raisport CHIEDILO A GIANNI, dove il povero Gianni Cerqueti si trova costretto a rispondere alle cose più assurde.
Ieri: CHI HA UCCISO L’UOMO RAGNO?
Cerqueti dixit: E’ VIVO E LOTTA INSIEME A NOI.

Tra le altre cose, agli europei si giocano pure partite.
Francia e Svizzera ieri sono andate agli ottavi.
Storica prima vittoria per un’eroica Albania (ne siamo felicissimi) che ora spera nel rispecaggio (e noi con lei).

Stasera, un girone leggermente più ingarbugliato (e quindi appassionante), con tutte e quattro le squadre potenzialmente in lizza per il passaggio del turno (e pure per l’eliminazione).
Noi, tra le quattro, lo abbiamo già detto a più riprese, in questo frangente tifiamo spudoratamente Galles.

Per il resto, FORZA ISLANDA e a domani!!

#lestiniaglieuropei


IL SIGNIFICATO INTRINSECO E CALCISTICO DI “SEDICI ORE CONSECUTIVE DI SESSO SFRENATO” – giornata 12

Lo diciamo dall’inizio del torneo: il Galles di Bale è fortissimo.
Fortissimo e spettacolare. A conferma di ciò, ieri ha ridicolizzato la Russia rifilandole tre pappine e rispendendola a casa.
Non solo, con quel rotondo 3-0 chiude a sorpresa il girone in testa. Ed è già leggenda.
Già leggenda perché non era mai successo prima.
Già leggenda perché i gallesi si trovano davanti proprio i colonizzatori dell’Inghilterra.
Inghilterra che deve ringraziare la buona sorte: ieri, la Slovacchia di Hamsik, le ha fatto vedere i sorci verdi ed è solo un miracolo se i sudditi di Sua Maestà Elisabetta son riusciti a tenere lo 0-0.
Altrimenti, a quest’ora, sarebbero nella bolgia dei ripescaggi, facendo le prove generali di Brexit.
Ai rispecaggi invece ci va, quasi sicuramente, la suddetta Slovacchia.

Unica ombra sul trionfo gallese: pare che la pornostar Alina Henessy abbia offerto SEDICI ORE consecutive di sesso sfrenato alla punta Kokorin in caso di doppietta.
La cosa strana è che un’altra pornostar di nome Alina, aveva già offerto allo stesso Kokorin SEDICI ORE consecutive di sesso sfrenato se avesse segnato 5 gol prima della fine del campionato.
Ancora più strano che un’altra pornostar ancora, cilena, ai mondiali del 2014, offrì sempre SEDICI ORE consecutive di sesso sfrenato a CHIUNQUE avesse bussato alla sua porta, in caso di vittoria del Cile.

Ovvio che sono tre bufale. Almeno due su tre.
Ma il problema è: PERCHE’ PROPRIO SEDICI ORE?
COSA SUCCEDE OLTRE QUESTO LIMITE?
Attendiamo risposte.

Stasera orgia di 2 gironi e 4 partite (chi minchia li fa sti calendari??).
Girone C con i tedeschi che rischiano il primato (e pure la qualificazione) con l’imprevedibile Irlanda del Nord.
Inutile dire per chi tifiamo… anche se Mario Goetze, ha sfoderato LA PERLA SUPREMA DELL’EUROPEO. Al giornalista che gli ha chiesto se la Germania stesse soffrendo per via di qualche critica di troppo, il forte centrocampista ha risposto:
“Il calcio è così: A VOLTE SEI CANE, ALTRE VOLTE SEI ALBERO”.
Eh???? Che cazzo significa???
In ogni caso, CHAPEAU.

Altro girone in campo, quello della Spagna già qualificata.
Contro le furie rosse, la Croazia che, ci stiamo chiedendo da giorni, perché cazzo la Uefa le sta permettendo ancora di giocare.
Mah…

A domani e, come sempre, FORZA ISLANDA!!

#lestiniaglieuropei

 ———————————————————————–
ANTONIO CONTE IL DRUIDO – giornata 13

Insomma alla fine ci è toccata la Spagna, ma di questo ne parleremo a tempo debito.
Insomma alla fine la Croazia, che doveva essere squalificata da una settimana, passa come prima del girone, ma di questo no, non abbiamo voglia di parlare.

In attesa del super match di lunedì (Italia-Spagna per l’appunto), oggi va in scena la partita più inutile della storia, quell’Italia-Eire di cui ovviamente non frega un cazzo a nessuno (e dove quindi posso tifare la mia Irlanda senza sensi di colpa), ma tutti fanno finta che sia importante.

In particolare in Rai, dove per contratto sono obbligati a dedicare tutte queste ore interamente ed esclusivamente agli azzurri.
E già in condizioni normali la Rai ha palesato l’utilizzo massiccio di allucinogeni nei suoi studi, figuriamoci in queste ore…

In particolare, Alessandro Antinelli, che in un servizio tutto al rallenty riesce a dire:
ANTONIO CONTE COME I PIU’ ANTICHI DRUIDI POTENZIA LE PRESTAZIONI DI QUELLI CHE NON SONO PROTAGONISTI
Eh???
Come i più anichi druidi??

Ovviamente in gran spolvero Gianni Cerqueti, vero protagonista di questo Euro 2016.
Nella celeberrima rubrica “Chiedilo a Gianni”, alla domanda “in cosa consiste la tua dieta del giaguaro”, lui ha risposto:
IN REALTA’ E’ IL CICLO DELLA PANTERA, CIOE’ MANGIARE TRE VOLTE AL GIORNO A OTTO ORE DI DISTANZA, COME FANNO LE PANTERE.

Qualcuno faccia qualcosa, per favore.

Concludendo, vi ricordiamo che stasera termina il primo turno, e che oltre al girone dell’Italia va in scena LA NOSTRA IMMENSA ISLANDA, CHE NEL MATCH CONTRO L’AUSTRIA SI GIOCA LO STORICO PASSAGGIO AGLI OTTAVI.

Per scaramanzia non diciamo altro…

FORZA ISLANDA E A DOMANI!!!

#lestiniaglieuropei


IL CIELO D’ISLANDA E ALTRE MERAVIGLIE – giornata 14/ giornata 15

E alla fine, dopo tanto palpitare, dopo averci sperato dall’inizio del torneo, la leggenda, da potenziale, si è fatta reale: l’incredibile ISLANDA, squadra adottiva di questa rubrica, ha sbaragliato ogni pronostico superando il turno al secondo posto, con un gol, ieri, contro l’Austria al NOVANTACINQUESIMO MINUTO.
Soddisfazione doppia, anzi tripla, i piccoli islandesi arrivando davanti addirittura alla corazzata portoghese di Cristiano Ronaldo.
Cinque “chapeau” consecutivi.
Unica nota dolente di tutto questo: nell’isola, sotto il cielo d’Islanda, non c’è nessuno a festeggiare… gli islandesi, come è noto, da due settimane si sono trasferiti in massa in Francia!

Parlando dell’altro cielo, quello originale, ovvero quello d’Irlanda, i verdi gaelici fanno lo scherzetto proprio all’Italia e passano il turno come ripescati: altra impresa eroica… sì, lo confessiamo siamo contenti, felici e ieri abbiamo tifato spudoratamente per loro… è stranoto che l’Irlanda sia la mia seconda nazionale!
In casa azzurra, nessun contraccolpo reale (sempre primi si resta), magari un po’ d’entusiasmo spento…
Io avrei solo due domande:
1) Perché INSIGNE solo l’ultimo quarto d’ora?
2) Perché WALTER ZENGA al commento tecnico? E perché ripete SEDICI VOLTE quel che sanno pure i bambini delle elementari, e cioè che CONTE ieri sera HA FATTO IL TURN OVER?
Agli ottavi, RIDATECI TRAPATTONI!!!!

Per il resto, finisce FINALMENTE il primo turno, che a parte queste grandi imprese di piccole squadre (Islanda, Irlanda, Irlanda del Nord), ha regalato davvero poco… poche emozioni, poco spettacolo e, soprattutto, pochissimo bel gioco.
Che poi era difficile appassionarsi per una formula che prevede che al primo turno sia più facile passare che essere eliminati…
Oltre a Italia – Spagna, per gli ottavi a eliminazione diretta si segnala che:
– una parte di tabellone comprende tutte le più forti, quindi dall’altra parte, per forza, in finale arriverà un’outsider;
– c’è un super derby Galles – Irlanda del Nord;
– ma dalle parti dell’Italia, ad arrivare secondi, non ci ha proprio pensato nessuno??

Arrivederci a sabato e, ovviamente, FORZA ISLANDA!!

#lestiniaglieuropei

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *