A proposito dello sciopero generale della scuola

Sullo sciopero generale del personale della scuola indetto il 5 MAGGIO, per la prima volta DOPO SETTE ANNI da tutte le sigle sindacali in maniera congiunta CONTRO LA BUONA SCUOLA DEL GOVERNO RENZI, il Premier commenta:
“Uno sciopero che fa ridere. Assurdo protestare contro un governo che assume 100mila precari. La scuola è delle famiglie e degli studenti, non dei Sindacati”.
Caro Renzi,
a parte il fatto che per correttezza dovresti dire che: 1) ANCORA SU QUESTE 100MILA ASSUNZIONI NON C’E’ ALCUNA CERTEZZA; 2) I CRITERI CON CUI LI VORRESTI ASSUMERE SONO SURREALI; 3) IN OGNI CASO LO SCIOPERO NON E’ CONTRO LE ASSUNZIONI (ci mancherebbe altro) MA CONTRO IL DISEGNO DI LEGGE “LA BUONA SCUOLA” CHE DI FATTO DISTRUGGE LA SCUOLA PUBBLICA (questo secondo te piace alle famiglie?)…
a parte tutto questo, ti ricordo che:
– LA SCUOLA E’ ANCHE NOSTRA, CIOE’ DI NOI INSEGNANTI E DI TUTTO IL PERSONALE CHE CI LAVORA
– I SINDACATI LO SCIOPERO LO INDICONO… POI SIAMO NOI, NOI INSEGNANTI A FARLO…
e lo faremo
e ci saremo
e ti daremo la vita maledetta
Cordialmente,
Un insegnante come tanti che ancora crede nella sacralità del lavoro, del diritto allo sciopero e della scuola pubblica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *