Perché le donne vivono più a lungo degli uomini

È scientificamente provato come le donne godano di un’aspettativa di vita oggettivamente e indiscutibilmente più alta rispetto a quella degli uomini.
Ma perché? Quali sono i motivi, quali sono le cause?
Senza la pretesa di prendere il posto a scienziati e antropologi, da umile osservatore del mondo ecco qui di seguito elencate (e spiegate) alcune di quelle che a mio modesto parere possono essere le cause della maggiore longevità femminile.
A voi l’ardua sentenza…

MASTURBAZIONE
Le donne si masturbano per piacere, gli uomini per missione esistenziale. Da ciò si deduce che mentre la masturbazione femminile avviene serenamente e con una frequenza diluita nel tempo in maniera umana, quella maschile è, oltre che brutale e rabbiosa, incessante e ininterrotta, dalla prima pubertà fino all’ultimo giorno di vita.
Ora senza andare a pescare gli anatemi del prete al catechismo (se ti tocchi diventi cieco) è chiaro come il sole che passare la vita a toccarsi il pisello ripetutamente e più volte al giorno non faccia bene alla salute. Occhiaie, colorito giallognolo/verdastro, spossatezza e distaccamento dalla realtà sono i sintomi più immediati ed evidenti.
Perciò, uomini in ascolto, se volete vivere di più, è necessario almeno provare a ridurre il pacchetto di smanettamenti settimanali.

SONNO PROLUNGATO
Problema strettamente legato al precedente.
Per avere un colorito roseo e una salute generale tra il buono l’accettabile, è indispensabile riposare con criterio, vale a dire dormire quotidianamente un numero consistente di ore (7-8) in maniera continuata e non frammentata, ed è importante farlo di notte.
Ora sta storia qua le donne l’hanno capita, e anche quando sono nottambule irriducibili o wonder women che per riposare abbisognano di mezzora al giorno di sonno, il tempo che strappano al sonno lo impiegano generalmente in cose utili oppure divertenti.
Gli uomini invece generalmente restano svegli per navigare in internet alla ricerca di siti porno con cui masturbarsi, incollati per ore su You Porn per masturbarsi anche due o tre volte nella stessa notte, oppure inchiodati in qualche chat per masturbarsi scrivendo cose zozze a donne che poi si scopre essere altri uomini che si fingono donne per il solito medesimo scopo: masturbarsi.
Per danni alla salute e rimedi, vedi il punto precedente.

ANSIA SESSUALE
La donna vuole essere brava, l’uomo vuole che gli si dica che è stato bravo.
Il problema si manifesta in qualsiasi ambito dell’esistenza, ma è ovviamente più sensibile e gigantesco nella sfera sessuale. Visto che l’uomo quando non sta facendo sesso passa il resto del tempo a pensare come farlo o a sognare e immaginare di farlo, al momento dell’atto esige che la sua partner gli dica che è bravo, che è il migliore, che come con lui con nessun altro. Se ciò non accade, lui va in depressione, se invece accade (generalmente solo perché la donna non volendo rotture di coglioni finisce per assecondarlo) non si accontenta. Si placa per un’oretta e poi ricomincia: ti è piaciuto? hai goduto?ce l’ho grosso?
E così via, all’infinito. Uno stato d’ansia permanente che a lungo andare genera tachicardie, attacchi di panico e, infine, ictus e infarti. Ci sarà un motivo per cui è infinitamente inferiore il numero di donne colpite da ictus e infarti, no??
Consiglio agli uomini: rilassatevi, non fatevi domande.
L’orgasmo femminile è come la strage di piazza Fontana: non saprai mai la verità.

IO IO IO
La donna ascolta il mondo, l’uomo ascolta se stesso.
Per questo a una certa età gli uomini diventano sordi con più frequenza e facilità.
Consiglio agli uomini: ogni tanto (bene cominciare con calma e moderazione, lo shock potrebbe avere effetti opposti) togliete le auricolari del vostro io-io-io, staccate gli occhi dalle tette della tizia che sta passando e concentratevi sul circostante. E, soprattutto, su quella povera donna che vi sta parlando da mezzora.

USO DELLE MANI
Essere bipedi, possedere delle mani per di più con il pollice opponibile, è una gran cosa.
Però anche l’esaltazione per questi traguardi dell’evoluzione della specie ha un limite. Nel senso, non è che per questo le mani servano a tutto.
Le donne le usano per scrivere, guidare, prendere oggetti, presentarsi, accarezzare, aprire e chiudere sportelli e altre cose del genere. Gli uomini, oltre a tutto il sopraelencato, cercano in ogni momento di infilarle dappertutto: nel naso, nelle orecchie, nell’ombelico, in bocca per strappare via con violenza il grasso del prosciutto rimasto attaccato, in testa per scartavetrare il mezzo chilo di forfora che hanno nei capelli e, soprattutto, continuamente, così in pubblico come in privato, si toccano e si risistemano il pacco. Un tic mondiale che comprende non solo la risistemazione incessante dei gioielli di famiglia, ma anche il grattarseli allegramente.
Conseguenza di tale meravigliosa dimostrazione di virilità è l’artrite, che infatti, come ictus e infarti, colpisce in maniera estremamente maggiore il sesso maschile.

TAVOLETTA DEL CESSO
Circa la tavoletta del cesso, la questione è molto semplice: gli uomini ne conoscono l’esistenza ma ne ignorano completamente la funzionalità e le modalità d’utilizzo.
In molti la ritengono avvitata con triplo bullone al resto del cesso e non pensano sia possibile sollevarla. Altri, più acuti, intuiscono la sua sollevabilità ma o non la sollevano lo stesso oppure, pur sollevandola, pisciano in modalità fontana per tutto il bagno, muro e pavimento compresi. È ovvio che vivere in un luogo insalubre, con urina sparsa dappertutto, non fa assolutamente bene alla salute. E non allunga la vita.
Il rimedio è semplice, basta attenersi scrupolosamente alle seguenti istruzioni:
a.Per prima cosa, quando sarete davanti al cesso, troverete un coperchio ovale. Forse qualcuno lo ignora, ma va sollevato anche quello.
b.Sollevate la tavoletta in posizione verticale. Tranquilli, non ricade, è fatta apposta per stare in piedi.
c.Tenendo il pisello in mano, direzionatelo nella cavità delimitata.
d.Rilasciate la pipì.
e.Rivestitevi e tirate nuovamente giù la tavoletta.
f.Tirate lo sciacquone (può essere una cordicella o una manopola argentata… informatevi prima di prendere l’iniziativa).
g.Indispensabile a questo punto lavarsi le mani, possibilmente con un asciugamano che sia stato in lavatrice almeno tre volte nell’ultimo anno solare.

MOTORI
Il famoso detto donna al volante pericolo costante è in realtà una bufala.
Questo perché, al di là delle singole abilità di ognuno, le donne si comprano un’automobile sostanzialmente per guidarla e spostarsi da un posto all’altro.
Gli uomini invece, che abbiano un SUV, un TIR o una SMART, usano l’automobile come fosse un’arma di distruzione di massa. La strada è una guerra e loro, gli uomini, appena mettono il culo nella macchina, si trasformano in pericolosi guerrieri cheyenne malati di fretta immotivata, pronti a uccidere, fare lo scalpo e mandare affanculo chiunque abbia una marcia inferiore ai 90 km/h.
Anche in questo caso, stati d’ansia continui, tachicardia, esplosioni di rabbia, ictus e infarti.
Consiglio: prendete il treno o l’autobus almeno una volta a settimana (a patto che non vi sbrachiate occupando tre sedili e grattandovi il pacco davanti a tutti gli altri passeggeri). In primavera poi, sempre ogni tanto, riscoprite l’uso della bicicletta.

MEZZO CHILO DI BISTECCA
Le donne mangiano, gli uomini trangugiano e divorano.
Affrontano ogni cena come fosse l’ultima, mangiano tranquillamente mezzo chilo di bistecca non tanto per fame, ma semplicemente perché si trova lì a tavola, scolano un litro e mezzo di vino solo perché ormai la bottiglia è stata aperta, in pausa pranzo possono ingoiare dodici panini farciti in appena quindici minuti.
Consiglio: quando vi sedete a tavola per cena, concentratevi sul fatto che sono solo sei ore che non mangiate, che in fondo una bottiglia di vino si può ritappare e bere il giorno dopo. Infine, almeno ogni tanto, mettete sul vostro piatto qualcosa di verde.

PULIZIA PERSONALE
Le donne si lavano tutti i giorni, gli uomini tutti i giorni si gettano acqua addosso e si lavano veramente solo dopo aver giocato a calcetto o quando sperano di scopare al primo appuntamento.
Per vivere a lungo però la doccia quotidiana è indispensabile. Così come è indispensabile cambiarsi quotidianamente le mutande e i calzini (e lavare pure quelli, ovviamente).
Fondamentale: le saponette servono per lavarsi strofinandosi la pelle, non per essere infilate nei vostri orifizi. Pensateci: dopo di voi, qualcuno ci si laverà la faccia…

MAMMA
Le donne sono mamme.
Gli uomini hanno la mamma.
E ho detto tutto…

Riccardo Lestini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *