JUKEBOX 004 – Brian Eno, “By this river”

1977.

Il manager Malcolm McLaren e sua moglie Vivienne Westwood, a Londra, nel retrobotegga del loro negozio di abbigliamento alternativo, creano dal nulla lo stile Punk e i Sex Pistols. Al cinema ci sono “Rocky”, “Casanova” di Fellini, “Una giornata particolare” con la Loren e Mastroianni e “La soldatessa alla visita militare”. Uno stipendio medio è di circa 150 mila lire, un caffè al bar costa 120 lire. Le piazze sono bollenti. C’è il “movimento del ’77”, l’Autonomia, gli Indiani Metropolitani. A Bologna lo studente fuori sede Andrea Pazienza disegna i suoi primi capolavori. Il ministro dell’interno Francesco Cossiga sospende per tre mesi lo stato di diritto vietando qualsiasi manifestazione. In piazza muoiono, uccisi dalle forze dell’ordine, i giovani Francesco Lo Russo di Lotta Continua e Giorgiana Masi del Partito Radicale. Le Brigate Rosse danno il via alla ‘operazione Fiz”, che l’anno dopo porterà al sequestro di Aldo Moro. E’ più o meno in quei giorni che Francesco detto Balto ha un grave incidente in motorino. Vi chiederete: chi è sto Balto? Boh, era un tizio senza una gamba che una quindicina d’anni fa, tutti i giovedì sera, scroccava a qualcuno cinquemila lire per entrare alla Flog a Firenze. Chissà che fine ha fatto. In ogni caso, dedico a lui questa meraviglia, scritta da Brian Eno in quell’infuocato 1977….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *